Conoscete la cerimonia della palla di neve? E’ un’antica tradizione che lega gli studenti dell’Università di Bologna al Reale Collegio di Spagna. In occasione della prima nevicata si organizzava la “Collecta nivis”. La prima neve diventava una forma di finanziamento dell’Universitas. Queste entrate permisero di realizzare parte dei  6000 stemmi che fanno dell’Archiginnasio il luogo con la raccolta araldica muraria più grande del mondo.

In cosa consisteva la cerimonia?

Dal 1500 fino a metà del 1800, alla caduta della prima neve, un servitore degli scolari predisponeva due carrozze per il corteo:  in una salivano il priore dei Legisti e quello degli Artisti. Nell’altra, bidelli e servitori trasportavano la neve raccolta in un bacile di ottone argentato.

Giunti a palazzo, la neve era presentata da un bidello al Legato, il quale ordinava che si facesse la colletta che apriva deponendo nel bacile lire 60; altre offerte si ricevevano dal Vicelegato, dall’Uditore Generale, dal Gonfaloniere, dall’Uditore del Torrone, dall’Arcivescovo, dal Podestà e dal Rettore del Collegio di Spagna.”¹

Reale Collegio di Spagna

Il Reale Collegio di Spagna fu fondato dal cardinal legato Egidio Albornoz nel 1364 con l’intento di creare un Collegio in cui ospitare studenti spagnoli meritevoli, desiderosi di studiare a Bologna. Ancora oggi il Collegio svolge questa funzione e gode di extraterritorialità. Rappresenta la più antica istituzione spagnola (pensate che nacque come Collegio di Spagna quando la Spagna non esisteva ancora). Nel 1530 diventa “regio” grazie alla protezione di cui lo investe Carlo V e che estende ai  successori della Corona di Spagna.

Il Gran Maestro della Goliardia Ivan Fraioli e il Rettore del Collegio di Spagna Juan José Gutiérrez Alonso

 Oggi come ieri

Lunedì 26 febbraio una delegazione di Goliardi ha accompagnato il Gran Maestro ad omaggiare il Rettore Juan José Gutiérrez Alonso della palla di neve. Quest’anno il Gran Maestro ha deciso di ammettere anche i Capiballa alla cerimonia, inizialmente appannaggio esclusivo di Baroni e Gran Maestri. La palla di neve è stata consegnata al Rettore su un vassoio decorato a mano dalle stesse Feluche; la donazione ricevuta in cambio, sarà destinata alla realizzazione delle attività del calendario goliardico. La cerimonia non poteva coincidere con situazione meteorologica più azzeccata: una Bologna spolverata di bianco!

Le nostre Feluche riprendono così, dopo lungo tempo, una cerimonia di grande valore storico per la nostra città.

La metamorfosi Goliardica

Si riconferma una particolare attenzione riservata alla valorizzazione delle tradizioni petroniane, sia prettamente Goliardiche che universitarie in senso più ampio. La Goliardia degli ultimi anni si contraddistingue per aver messo in campo diverse iniziative volte a valorizzare elementi storici interpretati in chiave moderna. Una Goliardia capace di adattarsi ai nostri giorni, di inserirsi nel contesto universitario attuale, interfacciandosi con studenti, Istituzioni e cittadini.

Il nuovo volto della Goliardia: sfrontato quando gioca ma capace di eleganza e autorevolezza quando la situazione lo richiede. Gli autori di questa preziosa e recente evoluzione sono in primis il Gran Maestro Ivan Fraioli, che facendo tesoro del lavoro cominciato dal suo predecessore Antonio Barbara, porta avanti e perfeziona un modus operandi senza precedenti. Un estenuante lavoro di regia, di organizzazione, di relazioni, che rilancia la Goliardia salvandola da un’inevitabile involuzione. E la rilancia con una rinnovata identità, contraddistinta da un’importante apertura e collaborazione con Enti e Istituzioni esterne. Naturalmente il Gran Maestro è coadiuvato dal lavoro dei membri del Fittone ma due anni sotto la guida impeccabile di Ivan Fraioli lasceranno il segno nella storia della Goliardia di Bologna.

    Elisa Barbari

Giornalista del Fittone

¹Vita e Cerimoniale dello Studio nelle memorie di un bidello del Settecento di Mario Fanti in “L’Archiginnasio ”, vol. I, a cura di G. Roversi, Bologna 1987.
 Elisa Barbari | Bologna | © Copyright – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.