/, Cultura popolare/Buon anno: tradizione o superstizione?

Buon anno: tradizione o superstizione?

By | 2018-01-01T17:51:55+00:00 1 gennaio 2018|Blog, Cultura popolare|1 Comment

A Bologna e in alcune località della nostra regione c’era una precisa tradizione riguardante il primo giorno dell’anno. I bambini andavano di casa in casa a suonare i campanelli per augurare buon anno, in cambio ricevevano qualche soldino. La filastrocca da recitare era questa:

“A sån vgnó a dèr al bån chepdân, ch’a canpéssi zänt ân, zänt ân e un dé, la bonamàn la vén a mé”  che significaSono venuto ad augurare buon anno, che possiate vivere cento anni, cento anni e un giorno, la mancia viene a me” (¹)

Spesso i bambini si organizzavano in gruppetti e alla fine della mattinata raccimolavano un discreto gruzzoletto. I primi ricevevano qualche soldino in più rispetto a quelli che giungevano più tardi.

Era una tradizione molto radicata  di cui alcuni ancora oggi sentono la mancanza.

Immagine correlata

Divieto alle bambine

Gli auguri potevano essere fatti esclusivamente dai maschietti. Alle femmine era fatto divieto girare per le case per il “Buon anno”. Anche dagli adulti ci si aspettava che l’augurio fosse dato per primo dall’uomo di casa che doveva essere il primo a varcare la soglia. Le telefonate augurali seguivano lo stesso schema: il primo a fare gli auguri era l’uomo, poi la donna.

Perchè?

Perchè le femmine avrebbero portato sfortuna, rendendo funesto l’intero anno!

Tradizione o superstizione?

Immagine correlata

La tradizione è  la trasmissione nel tempo, di generazione in generazione, di consuetudini, usi e costumi. La superstizione è invece una credenza dettata dall’ignoranza, convinzioni sorpassate e atteggiamenti irrazionali. Ecco, in questo caso ci troviamo davanti a una superstizione che è parte di una tradizione locale via via andata in disuso, fino a scomparire. E meno male! Non tutte le tradizioni sono da salvare. Di questa ce ne siamo liberati. Poteva essere conservata solo se rivisitata includendo le bambine.

E voi, quanto siete superstiziosi?

Elisa Barbari

(¹) Traduzione di Roberto Serra che ringrazio per la disponibilità

Elisa Barbari | Bologna | © Copyright – Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione.


One Comment

  1. Samantha 1 gennaio 2018 at 17:18 - Reply

    Due anni fa mio marito con 40 di febbre il 31notte… la mattina dell’1 suono a casa della sua nonna x informarla che lui stava male, quando è arrivata ho visto il fuoco nei suoi occhi, non mi sono avvicinata allo stuoino ed alzando le mani ho detto:”non entro non entro, volevo solo dire che suo nipote é a letto malato” ??????

Leave A Comment